fbpx

UNARCHIVE

DAL GIORNO FINCHÉ SERA
Di Alessandro Gattuso e Luca Maria Baldini.
WATCH ON PLAYSYS.TV
BATTLEFIELD
Di Silvia Biagioni, Andrea Laudante.
WATCH ON PLAYSYS.TV
IO HO FISSATO IL FUOCO PER SEMPRE
Di Salvatore Insana, Silvia Cignoli.
WATCH ON PLAYSYS.TV
Precedente
Successivo

UNARCHIVE - SUONI E VISIONI @ SEEYOUSOUND 2021

Seeyousound presenta i tre cortometraggi frutto della prima edizione della residenza “UNarchive. Suoni e visioni”, che ha offerto a 6 giovani artisti under 35 un’opportunità di formazione, ricerca e realizzazione nel campo del riuso creativo del cinema d’archivio connesso con la sperimentazione musicale, a partire dal patrimonio di immagini dell’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico e degli archivi partner.

I progetti realizzati sono: Dal giorno finché sera di Alessandro Gattuso e Luca Maria Baldini, Battlefield di Silvia Biagioni e Andrea Laudante e Io ho fissato il fuoco per sempre di Salvatore Insana e Silvia Cignoli. La residenza è ideata e prodotta dalla Fondazione Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico, con il sostegno del Mibac e di SIAE, nell’ambito del programma “Per Chi Crea”.

In Dal giorno finché sera (Alessandro Gattuso, Luca Maria Baldini, 16′), Una voce ci conduce nella nebulosa dei ricordi di un uomo. Le immagini d’archivio si mescolano cercando di dar forma al passato. Momenti d’infanzia, dell’età adulta e il ricordo dell’amore per un altro uomo emergono come archeologia di una memoria scomposta e frammentata. Un’elegia personale e collettiva allo stesso tempo, in cui amarezze e gioie si compenetrano evocando un vissuto.

In Battlefield (Silvia Biagioni, Andrea Laudante, 10’) il corpo femminile – intimo, estraneo, virginale, oggetto, etereo, frammentato, altro – è il campo di battaglia di una generazione di donne che, tra gli anni ’60 e ’70, ne rivendica la riappropriazione. Battlefield è un tributo alla seconda, storica, ondata femminista.

Io ho fissato il fuoco per sempre (Salvatore Insana, Silvia Cignoli, 23’) è un’indagine sull’atto di guardare e di essere guardati, una storia dello sguardo (non) archiviato. Un’ipnosi collettiva, un nemico invisibile, subliminale, un’energia impalpabile sul punto di esplodere. Lo sguardo del soggetto filmato, quello della macchina da presa e quello dello spettatore innescano un’ossessione partecipata, fatta di occhi in azione. 

logo_footer
Newsletter


Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi della legge n. 196/2003.

© 2020 Seeyousound™ Music Film Experience

Licenza SIAE n. 6492/I/15381

Privacy Policy