fbpx
Riproduci video

TCHAIKOVSKY'S WIFE

La vita, l'amore e la sessualità del grande compositore

24
Febbraio
Ore 20:30
Sala 1
24
Febbraio
Ore 20:30
Sala 1

Regia: Kirill Serebrennikov

Fotografia: Vladislav Opelyants
Montaggio: Yuriy Karikh
Sceneggiatura: Kirill Serebrennikov
Suono: Daniil Orlov
Produzione: Ilya Stewart, Carole Baraton
Genere: Biografico
Anno: 2022
Paese: Russia, Francia e Svizzera
Durata: 143’
Lingua: Russo (v.o. sott. It)

Synopsis

Il 18 luglio 1877 Pëtr Il’ic Cajkovskij sposa Antonina Ivanovna Miljukova, una sua ex allieva di cui aveva perso memoria, ricordata grazie ad una lettera appassionata in cui la giovane dichiarava al compositore tutto il suo amore. Un matrimonio di copertura il loro: infatti Cajkovskij accetta l’unione solamente per cercare di mettere a tacere le voci sua presunta omosessualità, decidendo così di cambiare vita e al contempo negandosi a sé stesso, fino ad arrivare alla decisione finale di separarsi da Antonina, non divorziando mai ufficialmente. Una scelta che la giovane non riuscirà mai ad accettare, a causa della sua testarda ossessione per l’uomo che credeva di amare, e che la porterà gradualmente alla più profonda pazzia. Antonina infatti morirà, sola, in manicomio. Siamo nella Russia della seconda metà del XIX secolo, un periodo dove le donne possiedono ancora un ruolo subalterno all’interno della società; tutto il film è visto e letto dallo sguardo di Antonina, offuscato dall’amore folle verso un marito che non la ama, anzi, che la disprezza, fino ad arrivare al più completo alienamento.

Director's Bio

Kirill Serebrennikov

Kirill Serebrennikov è un regista teatrale, televisivo e cinematografico; dal 2012 è il direttore del Gogol Center di Mosca, in cui, a partire dal 2008, apre un corso sperimentale per attori e registi. Nel 2016 Parola di Dio è stato presentato nella sezione Un Certain Regard al Festival di Cannes, e ha ricevuto il premio Francois Chalais. Nel 2018 gira Summer (Leto), biografia sulle leggende del rock russo Viktor Tsoi e Mike Naumenko; il film è entrato ufficialmente nella competizione principale del Festival di Cannes. Con Tchaikovsky's Wife, Serebrennikov è diventato l'unico regista russo a partecipare al Festival di Cannes 2022.