Rising Sound 2018 | SEEYOUSOUND

RISING SOUND – RADIOACTIVITY

Una gigantesca antenna radiofonica pulsante si erge sul globo terrestre rotante, diffondendo le sue onde. All’improvviso una scritta compare sullo schermo: “An RKO Radio Picture”. Dissolvenza in nero. Inizia così quello che viene considerato da molti esperti come uno dei film più importanti nella storia del cinema: Citizen Kane (Quarto Potere, 1941) di Orson Welles. La RKO Radio Pictures, una delle cinque major principali di Hollywood fondata nel 1928 da David Sarnoff, il capo della RCA (Radio Corporation of America), creò una serie di sinergie produttive e commerciali che, tra gli anni Trenta e Quaranta, vedranno protagonisti la radio e il cinema. Infatti nonostante siano sempre considerati due mezzi diversi che viaggiano su strade parallele, sin dagli inizi radio e cinema si sono incontrati e influenzati reciprocamente nella storia, in un rapporto intrecciato e complesso, per nulla scontato. La radio è sempre stata parte della nostra vita. Avvicinando voci lontane, la radio collega persone e luoghi, attraversa i confini raccontando scenari di pace, di guerra, di storia vissuta. Talvolta scenari incredibili di invasioni aliene. Ad oltre un secolo dalla sua nascita, la radio continua a rivelare una versatile capacità di cambiare più volte la sua pelle trovando una diversa e più attuale funzione sociale, rinnovando i propri linguaggi, mantenendosi in sintonia con lo spirito del tempo. Nella società occidentale prevalentemente visiva, dove l’immagine sembra avere il monopolio della realtà, la radio ha messo a frutto il suo potere suggestivo e l’estrema flessibilità della propria espressione artistica. Non è un caso che, raccontata da importanti registi, la storia del cinema sia piena di titoli che tentano di cogliere la magia della radio. Radioactivity vuole essere quell’antenna pulsante che diffondendo questi 5 film incentrati sulla radio e la musica, trasmetta uno sguardo su questo universo senza avere la pretesa di esaurire il discorso. È una storia che dura da cento anni e non basterebbero cento film a raccontarla tutta.

Juanita Apraez Murillo / Curatrice